THE FEAR E' ANCHE SU



Band
John Carpenter
Etichetta
Sacred Bones
Durata
47min 53sec
Brani
Vortex
Obsidian
Fallen
Domain
Mystery
Abyss
Wraith
Purgatory
Night


Lost Themes
(2015)
Primo o poi avrebbe dovuto farlo, questo è il pensiero che mi è venuto in mente quando ho saputo che uno dei più grandi registi fantahorror della storia aveva deciso di pubblicare un disco. Si perchè John Carpenter, per chi non lo sapesse, è l'autore di quasi tutte le colonne sonore dei suoi splendidi film. Musiche spesso minimaliste, poche note, pochi accordi, qualche effetto ma messi insieme il mix uditivo risulta sempre geniale e congeniale alla trama del film. Per farsi un'idea basta ascoltare il soundtrack di 1997 Fuga da New York.
Ma veniamo a questo disco. In realtà non è la prima pubblicazione ufficiale da parte di Carpenter, nel 2003 il nostro aveva già dato alle stampe la colonna sonora del film Distretto 13 le brigate della morte, ma in quel caso erano musiche già esistenti perchè nate col film. Nel caso di Lost Themes invece sono brani inediti alcuni composti per l'occasione altri probabilmente nel cassetto del regista in attesa magari di essere inseriti in nuovi film. Si parte con Vortex dove lo stile Carpenter è riconoscibilisissimo, certamente grazie anche ai giri di basso synth che richiamano proprio 1997. Si continua con Obsidian brano misterioso che parte con un giro di tastiera alla Goblin per poi evolvere in un ritmo rock elettronico evocatore di paesaggi sonori da fine del mondo. Lo stesso si può dire di Fallen condita da incessanti giri di bassi elettronici e un giro di tastiere synth molto evocativo. Domain è rock allo stato puro, lì ci sarebbe potuto anche stare un cantato ma ovviamente non è questo l'intento dell'autore. Mistery, altra perla, pezzo che richiama nuovamete il sound dei nostri Goblin. Abyss è un cavalcata oscura ed evocativa dove le dita del nostro si muovono abili e veloci tra i tasti di un incessante giro in più scale. Wraith è certamente il pezzo più elettronico e new age dell'album anche se la chitarra suonata dal figlio dello stesso Carpenter(così come in tutti gli altri pezzi) dona quel gusto rock che, come si nota, è sempre presente nell'opera. Purgatory è un'altro pezzo che parte atmosferico e poi prende un ritmo cadenzato. Night ritorna al Carpenter più classico, quello degli incessanti bassi synth. Pezzo poco movimentato ma evocativo. Degna chiusura di un disco sublime. Un disco che non dobbiamo dimenticarlo è stato composto da un signore di 78 anni che ancora con la sua arte riesce a sorprenderci e a conquistarci. Ci auguriamo che questa freschezza realizzativa si sposti ancora una volta nell'universo della settima arte. Noi siamo in spasmodica attesa...
© Sergio Di Girolamo
Back Musica Back Home
 
 
 



Google
www.thefear.it - Il portale dell'horror - Sito creato nel 2008 - © Sergio Di Girolamo
info@thefear.it