THE FEAR E' ANCHE SU

Inferno
Autore: Dan Brown
Anno di pubblicazione: 2013
Trama:
Robert Langdon si sveglia in un ospedale di Firenze con una ferita d’arma da fuoco alla testa in più non riesce a ricordare cosa gli sia successo, la sua mente è invasa da allucinazioni orribili che sembrano provenire direttamente dall'inferno narrato da Dante Alighieri nella Divina Commedia. Poco dopo il suo risveglio, un killer cerca di ucciderlo, ma la giovane dottoressa Sienna Brooks lo aiuta a scappare, diventando sua compagna d’avventura.
Langdon si accorge così di portare con sé un microproiettore nascosto nella tasca della sua giacca che riproduce il famose dipinto di Botticelli raffigurante la mappa dell'Inferno dantesco. Questo è il primo di una serie di indizi che porteranno i due da Firenze a Venezia, fino a Istanbul, nel tentativo disperato di bloccare un diabolico piano criminale pensato da uno scienziato convinto che la sola possibilità di sopravvivenza della specie umana sia lo sterminio di almeno un terzo della popolazione mondiale.

Recensione: Ho sentito l'esigenza di acquistare questo libro dopo un periodo caratterizzato da letture impegnative sia per contenuti che per stile narrativo. Dan Brown ha infatti la grande dote di scrivere delle storie intriganti che allo stesso tempo pongono l'attenzione su opere d'arte, su periodi storici, sui simbolismi, spingendo il lettore anche a fare riflessioni universali; tutto ciò con uno stile asciutto e scorrevole e con una buona dose di suspence cosa importante per uno scrittore di thriller. I personaggi sono come di consueto molto interessanti, a parte il buon Robert Langdon mi sembra ben riuscita la spalla del professore, la bella e inteliggentissima Sienna Brooks. Certo Inferno non aggiunge nulla di nuovo alla produzione dello scrittoreamericano, solita formula dei precedenti titoli, ma il tutto risulta comunque molto godibile a partire dall'atmosfera italiana in quel di Firenze e Venezia che, leggendo il romanzo, ti viene voglia di visitare in chiave mistico artistica avendo magari letto in maniera esaustiva La Divina Comemdia. Una cosa che mi ha particolarmente affascinato è la problematica legata al sovrapopolamento globale, mi ha aperto riflessioni sulla condizione di vita nel nostro pianeta trovando che la situazione descritta nel romanzo non è poi così lonata dalla realtà. Da queste considerazioni di natura etico sociale il cattivo di turno ha sviluppato questo virus per rimettere equlibrio tra la popolazione della terra. Lo fa in modo singolare, attraverso la passione per Dante e il suo Inferno. Noi non possiamo che seguire col fiato sospeso le vicende di Langdon che, come spesso gli accade, nelle poche ore in cui si susseguono gli eventi deve risolvere delle questioni più grandi di lui. Recentemente è stato annunciato anche l'immancabile riduzione cinematografica del libro sempre con l'accoppiata regista e attore rispettivamente Ron Howard e Tom Hanks, film in uscita nel 2016.
©Sergio Di Girolamo
Back Libri Back Home

 



Google
www.thefear.it - Il portale dell'horror - Sito creato nel 2008 - © Sergio Di Girolamo
info@thefear.it