THE FEAR E' ANCHE SU

STRANGER THINGS 2 - ANTICIPAZIONI
E' da poco conclusasi la prima stagione di Stranger Things una delle serie tv più belle del 2016 targata Netflix il servizio streming on demand che sta ormai divenendo sempre più richiesto vista la qualità dei prodotti proposti. Uno di questi appunto è questa serie tv creata dai fratelli gemelli Duffer, giovani cineasti americani innamorati degli anni ottanta e di tutto quello che in termini di cinema musica e cultura fantahorror quella decade ci ha offerto. Stranger Things è stata partorita come una serie omaggio al cinema eighty. I riferimenti alle pellicole famose si sprecano, dai Goonies, a Poltergeist, da La Cosa a E.T. passando per Stand by me e Carrie film nati dalla penna di Stephen King che è certamente lo scrittore più vicino alle tematiche della serie (citato anche in una battuta da uno dei personaggi). L'omaggio non è solo tematico ma anche visivo. I registi sono riusciti a ricreare un'atmosfera così vicina a quei film attraverso location perfette, una fotografia praticamente uguale e degli attori bravissimi e molto somiglianti agli originali al punto che chi non ne fosse a conoscenza potrebbe scambiare benissimo Stranger Things per un prodotto proprio realizzato proprio negli ottanta. I primi otto episodi sono stati un trionfo. I registi hanno definito la serie come una sorta di lungo film di circa otto ore, per questo per il seguito hanno pensato a Stranger Things 2 riprendendo i fatti da dove si sono conclusi. Non si sa ancora moltoa dire la verità, ma dalle poche dichiarazioni sembra che la storia sarà ancora più dark e che saranno svelati alcuni misteri insoluti nel finale della prima stagione. Ecco cosa hanno dichiarato i Duffer in proposito "un sacco di persone preferiranno la prima stagione, ma crediamo che a molte altre piacerà di più la seconda, perché sarà un po’ più dark, più strana. Giocheremo un po’ di più con gli effetti visivi. Il 1984 fu un anno incredibile, soprattutto per i film che uscirono in quell’estate: Ghostbusters, Il Tempio Maledetto, Karate Kid, Gremlins. Un anno eccezionale per il cinema, per cui cercheremo di catturare un po’ della magia di quei film. Faremo qualcosa che prenderà spunto da Indiana Jones e Il Tempio Maledetto.” . inoltre hanno sottolineato che [SPOILER] sarà resa giustizia alla figura di Barb che non sarà dimenticata. " In molti si sono lamentati del fatto che in città a nessuno sembrava importasse di lei. Ma non è proprio così. I suoi genitori non pensano semplicemente “Oh, ci ha lasciati. È morta”. Quello che i produttori vogliono fare nella seconda stagione è esplorare le ripercussioni di tutto ciò che è successo nella prima, perché tutto è stato lasciato un po’ in confusione e, pertanto, c’è parecchia pulizia da fare". [FINE SPOILER]
Che dire, personalmente l'idea di una seconda serie mi spaventa un pò perchè Stranger Things è un prodotto perfetto. Del resto sono tante le serie che hanno fatto il boom con la prima stagione e poi sono colate a picco. Mi dispiacerebbe veramente che succedesse per questo piccolo gioiello. Tuttavia sono anche contento di ritrovare questi stupendi personaggi interpretati da bravissimi attori, su tutti la veterana Winona Ryder e la meravigliosa Millie Bobby Brown attrice bambina che interpreta l'incredibile Undici. Incrocio le dita fidandomi del genio e della purezza d'intenti dei Duffer Brothers.
(25/Ago/16)


LION di Davide Melini
Uno chalet isolato in una foresta innevata... Un uomo accecato dall'alcool... Una donna incapace di ribellarsi... E un bambino di 8 anni, con un viso cupo e due occhi oscuri... Il silenzio della notte sará squarciato da grida mortali... L'incubo ha inizio.
Questa è la trama di Lion nuovo cortometraggio di Davide Melini già autore dei corti The puzzle, La dolce mano della rosa bianca, Deep Shock e aiuto regista ne La Terza Madre di Dario Argento e nella serie tv Penny Dreadful . Lion è stato girato con una Red Epic Dragon a 6K, il film si trova attualmente in post-produzione ed è annunciato per il prossimo Halloween. In questa nuova pellicola Davide ha coinvolto professionisti del settore cinematografico di livello mondiale: infatti come produttori troviamo nientemeno che Luca Vannella (“Thor”, “Harry Potter”, “Apocalypto”, “Heart of the Sea – Le origini di Moby Dick”), Alexis Continente (“Thor”, “Penny Dreadful”), Vincenzo Mastrantonio (“Titanic”, “Moulin Rouge”, “La passione di Cristo”, “Romeo + Giulietta”), Bobby Holland (“Il cavaliere oscuro – Il ritorno”, “Game of Thrones: Il trono di spade”, “Assassin’s Creed”, “007 – Quantum of Solace”), Ferdinando Merolla (“Troy”, “Gangs of New York”, “Hannibal Lecter – Le origini del male”) e Roberto Paglialunga. Nel cast, coadiuvato da Carlos Bahos,il regista ha voluto: Pedro Sánchez, Michael Segal (“Colour from the Dark”, “Anger of the Dead”) e Tania Mercader, Per quanto concerne il comparto tecnico: produttrice esecutiva è Fabel Aguilera direttore di produzione Pablo Lavado, direttore della fotografia Juanma Postigo, le scenografie sono opera di Carlos Borja Luise e Carlos Javier López, i costumi sono stati realizzati da Patricia Gabas, gli effetti speciali da Sarah McCarthy, mentre il montaggio è a cura di Daniel Salinas e il suono di Christian Valente. La musica è stata composta da Francesco Tresca e gli effetti visivi da Alessio Barzocchini, Raúl Trujillo e Francesco Longo. In attesa di poter vedere il corto il 31 ottobre, si può ammirare il teaser di lancio sotto, mentre per essere sempre aggiornati sulla lavorazione potete dare un’occhiata alla pagina IMDB, alla pagina web ufficiale, a Facebook e a Twitter.
(24/Ago/16)


DANSE MACABRE di Stephen King
È la bibbia dell'horror, almeno io la definisco così. Chi potrebbe mai sviscerare meglio questo genere se non colui che ne è stato definito il Re? Danse Macabre è uno dei saggi imprescindibili per tutti gli amanti dell'horror cartaceo e non solo. Danse Macabre è un piccolo cult nel quale Stephen King celebra l'horror, definendone gli archetipi e filosofeggiando alla sua maniera su letteratura e z-movies, leggende metropolitane e cinema d'autore, serie TV, fumetti e perfino le figurine. L'approccio apparentemente acritico, dichiaratamente soggettivo, sbarazza il professor King da ogni accademismo lasciandolo libero di fare ciò che meglio sa: raccontare. Ne esce un testo profondo e lieve allo stesso tempo, dalla prosa coinvolgente e, come di consueto con King, geniale e coinvolgente.Questa nuova edizione, aggiornata e ampliata, è prevista per novembre.
Il libro, edito da Frassinelli, si arricchisce tra l'altro di una introduzione a cura di Giovanni Arduino abituale traduttore dello scrittore americano.
(25/Ago/2016)

 

The Witch

A Venezia...
un dicembre
rosso Shocking

These Final
Hours

Possession

La storia
di Lisey

Lost Themes
   
   
 
 
 
 
 



Google
www.thefear.it - Il portale dell'horror - Sito creato nel 2008 - © Sergio Di Girolamo
info@thefear.it