THE FEAR E' ANCHE SU


Regia
John Carpenter
Sceneggiatura
Michael Rasmussen
Shawn Rasmussen
Produzione
Bim
Cast
Amber Heard, Lynsdy Fonseca, Danielle Panabaker,Jared Harris
Valutazione


The Ward (USA 2010)
Kristen è una ragazza con problemi psichici che dopo aver bruciato una casa viene internata in manicomio. Dopo vari problemi di ambientamento scopre che il posto è infestato da una presenza maligna che via via elimina altre ragazze ricoverate nel suo stesso reparto.

Chiedo a chiunque abbia visto la prima scena del film o a chi la vedrà se non sembra di essere tornati indietro nel tempo quando il cinema horror di un gemio che di nome fa John Carpenter era rappresentativo dell'intero filone. L'inizio folgorante però non è il preludio a un'opera perfettamente riuscita. Purtroppo l'ultima fatica del regista americano alterna luci ed ombre e queste ultime sembrano primeggiare. Tuttavia è importante considerare che The Ward può deludere chi conosce bene il cinema di Carpenter ma è sicuramente superiore a molti film prodotti negli ultimi anni. Iniziamo con le pecche. La sceneggiatura non brilla certo per originalità, ma di questo non si può dar colpa al regista che spesso. nelle sue opere migliori è stato anche autore dello script. Gli sceneggiatori, i fratelli Rasmussen, confezionano una storia ambientata in un ospedale psichiatrico con annessa presenza maligna che negli ultimi tempi si è vista in una miriade di pellicole; come Session 9, Shutter Island, Fragile per farsi un idea, in più la sorpresa finale prende spunto da altrettante pellicole che non cito per non rivelare troppo. I personaggi sono troppo stereotipati e certamente non giova utilizzare delle ragazze dai volti perfettini, non ultima anche la protagonista, indubbiamente brava però troppo bella da distarre lo spettatore. Le musiche non rimarranno negli annali come succedeva un tempo, meglio gli ffetti sonori. Quali sono i pregi del film allora? Certamente la "mano" di Carpenter che nel modo di creare suspence e costruire scene horror ha pochi rivali al mondo. Anche gli omicidi sono cruenti e ben orchestrati e fino a quando non viene rivelato in tutto e per tutto il volto del fantasma fanno provare più di un brivido sulla schiena, del resto il motto del fa più paura quello che non si conosce è sempre valido e infatti le migliori sequenze sono quelle nel quale si avverte la presenza del male o tuttal'più si intravede in brevi fotogrammi come per esempio nella riuscita scena della doccia. Gli effeti speciali sono abbastanza buoni e la fotografia evocativa con scene che alternano bene il buio a zone illuminate da luci al neon tipiche degli ospedali. In definitiva si può dire che The Ward è certamente un film godibile che a tratti ricorda i migliori tempi del grande John Carpenter ma che per molti altri non è che una pellicola vista e rivista negli ultimi anni che può bastare per una serata con gli amici e che a proiezione finita non lascerà certo il segno.
©Sergio Di Girolamo
BackCinema BackHome

 
 



Google
www.thefear.it - Il portale dell'horror - Sito creato nel 2008 - © Sergio Di Girolamo
info@thefear.it