THE FEAR E' ANCHE SU


Regia
Lucio Fulci
Sceneggiatura
Lucio Fulci, Roberto Gianvito, Dardano Sacchetti
Produzione
Cinecompany srl
Cast
Jennifer O'Neill
Gianni Garko
Gabriele Ferzetti
Marc Porel
Evelyn Stewart
Valutazione

Sette note in nero (Italia 1977)
Virginia possiede dei poteri precognitivi. Un giorno nella sua mente si materializzano delle strane immagini riguardanti un omicio avvenuto nella villa di famiglia. L'incessante ricerca della verità porta Virginia a scoprire cose sconcertanti come la relazione del marito con una ragazza i cui resti vengono trovati in una nicchia scavata proprio nel muro dell'abitazione. I sospetti cadono subito sull'uomo che viene arrestato. Virginia deve assolutamente ricomporre il puzzle grazie alle sue straordinarie doti per salvare la vita di suo marito.

Sicuramente Sette note in nero è uno tra i più bei thriller prodotti in Italia. Lucio Fulci, che già aveva dimostrato quanto fosse a suo agio con il genere dirigendo Non si sevizia un paperino e Una lucertola dalla pelle di donna, nel caso specifico aggiunge un elemento soprannaturale molto suggestivo: la precognizione.
Il film è un ingranaggio perfetto; ogni pezzo, proprio come in un puzzle, ha la sua specifica importanza, merito sicuramente degli sceneggiatori (tra cui lo stesso Fulci). Della regia si può solo parlare bene, anzi benissimo, il regista romano, come è noto, non è mai stato amato in patria mentre all'estero è considerato un secondo Roger Corman. In sette note la sua maestria nel generare inquadrature vorticose e i primi piani dei volti, spesso grazie ad audaci zoomate, (gli occhi di Virginia quando ha le visioni ne sono un esempio) confermano quanto sostenuto dai cinefili d'oltreparte. Il regista riesce nel difficile compito di attanagliare lo spettatore alla poltrone coinvolgendolo nell'intricata vicenda che solo nelle battute finali trova un'incredibile soluzione. Le musiche sono senza ombra di dubbio funzionali alla storia e la fotografia spesso si accende di toni surreali. I protagonisti sono in piena forma, dalla bellissima Jennifer O'Neill al nostrano Gianni Garko. Un appunto, se è lecito farne, riguarda le carenti dosi di sangue e gore care al regista ma, considerato che solo dopo tale pellicola Fulci scatenererà la sua ferocia passando all'horror soprannaturale, si può pensare che ancora fosse ad uno stato di "apparente" quiete.
©Sergio Di Girolamo
BackCinema BackHome

 
 



Google
www.thefear.it - Il portale dell'horror - Sito creato nel 2008 - © Sergio Di Girolamo
info@thefear.it