THE FEAR E' ANCHE SU


Regia
Jesus (Jess) Franco
Sceneggiatura
Carlo Fadda, Milo G. Cuccia, Jesus Franco, Bruno Leder
Produzione
Cinematografica Associati (CI.AS.)
Cast
James Darren, Barbara MacNair, Maria Rohm, Klaus Kinski, Margaret Lee; Paul Muller
Valutazione

Paroxismus - Può una morta rivivere per amore? (1969, ITA/GER)

Un giovane musicista riesce a richiamare dell’aldilà lo spirito di una ragazza uccisa. Lui s’innamora di lei, ma lei è tornata solo per vendicarsi dei suoi assassini. Ci riuscirà? Oppure, alla fine, vincerà l’amore?

Può una morta rivivere per amore? Secondo questo film no: può usare l’amore per ritornare dall’oltretomba ma, se rimane nell’aldiquà, è solo per odio e per vendetta. Quindi non vi fate aspettative sbagliate: anche se la storia d’amore  nel film c’è, essa rimane sempre a margine. Quel che conta, veramente, è la vendetta del “fantasma” (e, forse, quest’appellativo non è neanche fra i più giusti per definire questo ritornante, giacché il nostro spirito è anche piuttosto in “carne”). Motivo d’attrazione del film rimane comunque lo stile registico di Jess Franco, uno fra i più prolifici registi spagnoli, capace sia di notevoli finezze registiche sia di inaudite ciofeche (e purtroppo i suoi horror sono per la maggioranza di quest’ultimo tipo, avete mai visto il suo Oasis of zombie?). Questo è uno dei film più sperimentali dello Tio Jess, ma proprio l’uso eccessivo di queste sue sperimentazioni visive rendono molto difficoltoso il susseguirsi della trama (almeno per me è così). Comunque non si può certo negare il fascino e l’atmosfera sognante che il regista ha saputo creare, che ricorda molto quella dei film di Jean Rollin (infatti, molte volte lo stile dei due registi è stato accostato). Per chi poi è amante del jazz, questo è il film che fa per lui/lei: numerosi sono gli intermezzi in cui si vede il musicista suonare la tromba insieme alla sua banda o da solo, senza dimenticare che nel film recita anche la cantante Barbara McNair. Da segnalare che il tasso di emoglobina del film rimane molto basso.

CURIOSITA’ La copia del film in italiano è stata montata da uno dei nostri più abili montatori, il defunto Bruno Mattei (ho detto abile montatore, non regista). La versione nostrana è differente quindi da quella europea. Non ho mai visualizzato la versione straniera. Chissà se il film risulta più chiaro? Conoscendo però un minimo la tecnica di Bruno Mattei non lo credo possibile.
Il film è una produzione italo-tedesca.
© Daniele Lombardi
BackCinema BackHome
 
 



Google
www.thefear.it - Il portale dell'horror - Sito creato nel 2008 - © Sergio Di Girolamo
info@thefear.it