THE FEAR E' ANCHE SU


Regia
Joe d’Amato (Aristide Massaccesi)
Sceneggiaura
Tom Salina (Luigi Montefiori)
Produzione
Stefano film
Cast
Laura Gemser, George Eastman (Luigi Montefiori), Dirce Funari, Mark Shannon (Manlio Cersosimo)
Valutazione

Le notti erotiche dei morti viventi (Italia/Repubblica dominicana 1980)
Un gruppo di persone ha intenzione di costruire un centro turistico su un’isoletta tropicale (l’Isola del Gatto). Decidono così di recarsi lì per un sopralluogo. Non sanno delle terribili leggende locali sull’isola. Chi si salverà?

Premetto che non sono un amante del porno e che ritengo che l’horror, a differenza del thriller, si coniughi male con l’erotico (a parte rare eccezioni), figuratevi con il porno.
Le notti erotiche dei morti viventi (titolo fuorviante in quanto il film è ambientato di giorno e non ci sono zombi che fanno sesso) si può dividere in 2 parti. Nella prima parte prevale il porno (con scene non molto estreme) che ovviamente riesce, bene o male, ad attirare l’attenzione del pubblico. La seconda (con l’arrivo sull’isola) è prevalentemente horror e più noiosa. Gli zombi sembrano degli straccioni, i loro attacchi sono sporadici e si risolvono in qualcosa di non molto entusiasmante. Il modo in cui sono sconfitti poi lo trovo molto ridicolo (anche se originale). Le scene splatter ci sono e fra tutte spicca quella dell’evirazione a morsi di Mark Shannon da parte di Laura Gemser. Purtroppo s’intuisce facilmente che l’attrice ha azzannato un salsicciotto e la scena si risolve in una bolla di sapone. In sintesi, sebbene sia lodevole l’idea di unire il porno con gli zombi, il risultato che ne è venuto fuori non è che un gran pastrocchio (e, per la cronaca, neanche il risultato di Porno Holocaust è migliore). Per me, da salvare in questo film ci sono 3 cose: la scena iniziale quando Montefiori batte la mano contro una rete (che ci crediate o no, a me mette i brividi), la musica opera di Pluto Kennedy (Marcello Giombini) e la scena della bottiglia di champagne (ancora adesso mi chiedo dove sia finito il tappo).
Curiosità: In origine, Fabrizio de Laurentis aveva affidato a Massaccesi la regia di Zombi 2, poi ha cambiato idea (come tutti sanno il film l’ha diretto Lucio Fulci) perché il nome di Joe D’Amato si stava legando troppo al porno. Le notti erotiche dei morti viventi nasce, quindi, principalmente come un atto di rappresaglia.
©Daniele Lombardi
BackCinema BackHome

 
 



Google
www.thefear.it - Il portale dell'horror - Sito creato nel 2008 - © Sergio Di Girolamo
info@thefear.it