THE FEAR E' ANCHE SU



Regia
Terence Fisher
Sceneggiatura
Jimmy Sangster
Produzione
Hammer
Cast
Peter Cushing, Cristopher Lee,Hazel Court, Robert Urquhart
Valutazione





La Maschera di Frankenstein (G.B.1967)
Il barone Frankenstein attende nella cella di una prigione di essere giustiziato per i suoi nefandi esperiementi, questo potrebbe essere evitato se qualcuno riuscisse a credere alla sua incredibile storia, così il barone inizia a raccontare al prete, giunto per dargli l'assoluzione, tutti i singolari fatti che l'hanno portato fin lì.

Primo successo horror della storica casa di produzione inglese Hammer, la maschera di Frankenstein può benissimo essere considerata una rilettura originale del personaggio del barone qui cinico e spavaldo e assolutamente mai redento. Se infatti nel primo epico film della Universal il barone ammetteva le sue colpe e cercava di porre in qualche modo rimedio al male causato, qui invece Frankenstein non si pente mai, anzi e sempre più determinato a raggiungere il suo scopo anche di fronte a gesti estremi come l'omicido. Per lui la sete di onnipotenza è una droga e non c'è altro sentimento che possa redimerlo, neanche il possibile rapporto con la attraente cugina con la quale convoglia a nozze e che tradisce sistematicamente con la domestica. Il film, grazie alla geniale scennegiatura di Sangster che tanto darà alla Hammer, focalizza l'attenzione più sul personaggio del creatore che sulla creatura, qui rappresentata come una specie di zombie dal volto sfigurato e dai movimenti incerti che, è bene dirlo, non raggiunge lo stesso fascino immortale del mostro Karloff .
Ovviamente se il film riesce a convincere è grazie alla solita precisa regia di Terence Fisher, e soprattutto alla grandissima interpretazione di Peter Cushing, attore simbolo delle produzioni Hammer insieme a Cristopher Lee, che qui intepreta la creatura.
Il personaggio positivo della vicenda è invece il dottor Paul Krempe che prima aiuta il barone a raggiungere i suoi scopi ma poi si rende conto della pazzia del suo collega e fa di tutto per rovinargli i piani, fino a screditarlo nel tragico finale.
La maledizione di Frankenstein ebbe un grande successo di critica e di pubblico e lanciò nel mondo l'Hammer Style. La stessa casa di produzione non abbandonò la sua "creatura" ragalando al pubblico altri seguiti dalle alterne fortune.
©Sergio Di Girolamo
BackCinema Back Home

 
 



Google
www.thefear.it - Il portale dell'horror - Sito creato nel 2008 - © Sergio Di Girolamo
info@thefear.it