THE FEAR E' ANCHE SU


Regia
John Hough
Sceneggiatura
Richard Matheson
Produzione
American International Pictures
Cast
Pamela Franklin
Roddy McDowall
Clive Revill
Gayle Hunnicutt
Roland Culver
Peter Bowles
Valutazione


Dopo la vita (ENG, 1973)
Casa Belasco è considerata da sempre la più infestata dimora esistente al mondo. Due spedizioni formate da medium, scienziati e parapsicologi sono state quasi per intero decimate. Una terza spedizione voluta da un miliardario prossimo alla morte si reca nel posto per tentare di sconfiggere i malefici. Tra essi il professor Barrett e sua moglie Anne, la potente medium Florence Tanner e l'unico superstite della seconda spedizione Ben Fischer.


Tratto dall'interessante libro di Richard Matheson che ne firma anche la sceneggiatura, la pellicola del regista inglese John Hough segue in maniera abbastanza fedele il libro, tuttavia nella trasposizione cinematografica sembra che gli autori abbiano tirato il freno a mano su certe scene che nel libro sono veramante forti e avrebbero consentito alla pellicola di colpire basso lo spettatore. Infatti, o per scelta o per imposizione della censura, chi lo sa, nel film l'erotismo esplicito del libro è solo accennato e anche la violenza di certe scene sembra stemperata rispetto alla crudeltà della storia scritta. Se il regista inglese avesse avuto più coraggio potevano certamente venirne fuori delle scene disturbanti. Non si capisce perchè Matheson non abbia insistito nel proprorre le sue idee tali e quali anche su pellicole, essendo come detto, sceneggiatore, ma è molto probabile che sia stao frenato dal regista o dalla produzione. Un'altra nota da fare è il finale che mi sembra spiegato troppo velocemente come se si dovesse rispettare un certo minutaggio e infilarci tutta la vicenda così com'è nel libro. Queste critiche comunque non scalfiscono una pellicola che ha comunque tanti pregi. Un'atmosfera malsana, perfetta per una storia di fantasmi, un'ambientazione molto suggestiva, un uso "malato" della macchina da presa che produce inquadrature grandangolari o spesso da prospettive basse. E poi una fotografia ben fatta dove primeggiano colori forti quali il rosso (specialmete nella scena di una delle sedute spiritiche) e il blu. Come nel libro anche nel film vi è il forte contrasto tra le teorie scientifiche del dottor Barett e le convinzioni metafisiche della medium Florence Tanner, punti di forza della storia.
Gli attori sono tutti bravi, ma una nota di merito va alla bella Pamela Franklin (già nel cast di un capolavoro del genere horror, filone fantasmi, quale Suspence di Jack Clayton) che fa la parte della sensitiva con molto trasporto. Sono pressoché assenti gli effeti speciali, c'è molta atmosfera e infine è deoveroso sottolineare che Dopo la vita poteva diventare il più bel film di fantasmi o perlomeno raggiungere i due capisaldi del filone Gli Invasati e, appunto, Suspence, ma risulta solo una bella occasione mancata. Tuttavia è consigliata la visione.
©Sergio Di Girolamo
BackCinema BackHome

 
 



Google
www.thefear.it - Il portale dell'horror - Sito creato nel 2008 - © Sergio Di Girolamo
info@thefear.it