THE FEAR E' ANCHE SU


Regia
Raf Donato
(Joe D'Amato)
Sceneggiatura
George Nelson Ott
Produzione
Filmrage
Cast
Frank Baroni, Allen Cortt, Keith Keisch, John Bruns, James Camp.
Valutazione


Deep Blood - Sangue negli abissi (Italia 1989)
Una notte un gruppo di quattro ragazzini si giura eterna amicizia. Anni dopo, quando uno squalo uccide uno di loro, gli altri si ritrovano ed esigono vendetta. L’avranno?

Prometto che, a parte alcune eccezioni, gli animal-movies non mi piacciano ma se ci sono in televisione, non rinuncio a guardarli. Questo film, prodotto dalla Filmrage, è quanto di più inutile si possa vedere. Gli attori, degli emeriti sconosciuti, sono all’interno del film, ma ciò non significa che stanno recitando. La sceneggiatura (a proposito chi sarà in realtà questo Ott? Se non è pseudonimo, capisco perché non ha scritto altre sceneggiature) è l’ennesima variazione dello Squalo di Spielberg, con aggiunto un vecchio indiano, la leggenda di un mostro marino, una faretra sacra (tutti elementi infilati nel film ma quasi inutili per lo svolgersi della storia) e una promessa d’amicizia. La cosa peggiore del film sono gli effetti speciali relativi allo squalo: la Filmrage non avendo soldi da spendere (o non volendo spendere soldi) non ha neanche realizzato un modellino del pescecane. Infatti, le scene in cui appare sono tratte da dei documentari, gli omicidi dello squalo si risolvono con macchie rosse nell’acqua e la sua morte è invece tratta dai fotogrammi de L’ultimo squalo. E delle riprese subacquee che si sono svolte all’interno di un acquario, ne vogliamo parlare? In alcuni momenti, soni palesi i bordi della struttura. Mi rincuora che Joe d’Amato ha solo prodotto questo film. Che cosa? Raf Vallone è solo un prestanome e in realtà a dirigerlo è stato proprio il mitico Aristide. Rimango senza parole.
Approfondimenti.
Sfrutto questa recensione per stilare una breve lista degli animal-movies italiani, perché innanzitutto non ho mai trovato su internet informazioni a riguardo, e quindi questa lista è una novità assoluta, e perché ritengo che se proprio bisogna vedere delle bufale meglio quelle nostrane.

Il migliore è sicuramente  
Wild beast – Belve feroci di Franco Prosperi
Apprezzabili sono
 L’ultimo squalo di Enzo G. Castellari e
Mamba di Mario Orfini (almeno io ne apprezzo l’originalità).
Altri titoli:
Shark – Rosso nell’oceano di Lamberto Bava
Tentacoli di Ovidio G. Assonitis
Killer Fish – Agguato sul fondo di Antonio Margheriti
Cruel jaws – Fauci crudeli di Bruno Mattei
Rats – Notte di terrore di Bruno Mattei
Il fiume del Grande Caimano di Sergio Martino
Killer crocodile di Fabrizio De Angelis
Killer crocodile 2 di Giannetto De Rossi
The bite – Curse 2 di Federico Prosperi (non l’ho visto)
Tafanos – L’inizio di Paolo Marcellini e Carlo Giudice
Tafanos 2 – Prima dell’inizio di Paolo Marcellini e Carlo Giudice (non l’ho visto)
Plankton – creature degli abissi di Al Passeri (non è un vero animal-movies in quanto qui i mostri sono creature marine mutate)
Libidine di Raniero Giovambattista anche se ha come protagonista un serpente non è un animal-movies perché il serpente non è una minaccia.
© Daniele Lombardi
BackCinema BackHome

 
 



Google
www.thefear.it - Il portale dell'horror - Sito creato nel 2008 - © Sergio Di Girolamo
info@thefear.it