THE FEAR E' ANCHE SU


Regia
Alexandre Bustillo e Julien Maury
Sceneggiatura
  Alexandre Bustillo
Produzione
  Rook Films
Cast
Alysson Paradis, Béatrice Dalle,Nathalie Roussel Valutazione


À l'intérieur (Francia, 2007)
Sarah è una giovane fotografa al nono mese di gravidanza. Quattro mesi prima il suo fidanzato e futuro padre del figlio in grembo perde la vita in un terribile incidente stradale mentre lei era alla guida. Sarah e il suo bambino si salvano miracolosamente. La vigilia di Natale, Sarah, ormai prossima a partorire, fa l'ultima visita ginecologica recandosi dal suo medico che le dice che il giorno dopo si potrà procedere al parto. Mentre Parigi è scossa dalle rivolte in atto nelle banlieue, Sarah decide di passare la notte da sola nella sua grande casa. Prima però consegna le chiavi al suo capo, che la passerà a prendere la mattina seguente e la porterà in ospedale. Sarah, in compagnia del suo gatto, ha un terribile incubo nel quale vede il suo bambino uscirle dalla bocca. Si sveglia sconvolta e prende dei tranquillanti, quindi si addormenta. Viene però svegliata dal campanello della porta, alla quale bussa una donna che dice di aver l'auto ferma all'incrocio e chiede se può fare una telefonata.Sarah rifiuta di aprirle anzi chiama la polizia. Le forze dell'oridine controllano che tutto sia a posto e fatto ciò se ne vanno presto però scopriamo che la donna è riuscita a entrare in casa...

Ci sono film che sono come quei tipi crudi e duri che non guardano in faccia a nessuno, film "eccessivi", che sembrano prendersi gioco della censura, anzi guardano alla grande "falciatrice" cinematografica con sguardo di sfida, fieri di essere come si è stati partoriti. À l'intérieur (Inside nell'edizione intenazionale) è uno di questi fim. Estremo, cinico e sanguinoso, quest'ultimo termine potrebbe essere persino un eufemismo, direi allora emoglobinico, mi si passi il termine. Nella pellicola i bravissimi registi Alexandre Bustillo e Julien Maury versano, è il caso di dirlo, ettolitri su ettolitri di sangue e il bello è che lo fanno molto bene. Di film splatter ce ne sono a bizzeffe ma un conto è gettare il sangue alla rinfusa, diciamo per "condire" la scena, un conto è dargli un senso tale da diventare tratto distintivo della pellicola. Dato il tema della gravidanza e del parto mi sembra che non sia sbagliato fare un paragone dicendo che la casa della protagonista si trasforma ben presto in una sorta di sala operatoria impazzita dove il sangue schizza da tutte le parti e imbratta tutto (a un certo punto sembra quasi voler colare dallo schermo). Ma ovviamente À l'intérieur non è solo questo, c'è dietro una regia spettacolare con delle inquadrature e dei tempi di ripresa che riescono a attanagliare lo spettatore allo schermo. La fotografia è fantastica alternando i toni freddi a inizio pellicola e i toni caldi nella seconda parte che si svolge nella casa (difatti il film appartiene a quella categoria di Slasher detti Home Invasion). Musiche ed effetti sonori perfetti. E poi è un film che invita a riflettere su un tema delicato come il desiderio maternità a qualunque costo e l'esasperazione che attanaglia chi non può coronare questo sogno, qualcosa che può determinare veramente uno squilibrio psichico in un essere umano. Le attrici protagoniste sono al top, soprattutto la veterana Béatrice Dalle una vedova nera sensuale e letale come un branco di pirana. À l'intérieur è un film crudele, un pugno nello stomaco dello spettatore che consiglio assolutamente ai fan del vero horror. Unico appunto da fare, che toglie il quinto teschio dalla mia valutazione, è la presenza di una scena (quella del poliziotto redivivo) purtroppo inspiegabilmente inserita quasi alla fine e che proprio non centra nulla col tenore del film...peccato.
©Sergio Di Girolamo
BackCinema BackHome

 
 



Google
www.thefear.it - Il portale dell'horror - Sito creato nel 2008 - © Sergio Di Girolamo
info@thefear.it